Banner Rena 1

 

 

Attivismo civico e mobilitazione creativa per il lavoro giovanile

In Italia, la disoccupazione giovanile è al 42,3 % e 2.600.000 giovani non studiano e non lavorano (Febbraio 2014, fonte Istat)

Per far fronte a questa emergenza, RENA ha mobilitato le principali associazioni di categoria giovanili CNA, Coldiretti, Confindustria, Confcooperative e Generazioni Legacoop e il più grande sindacato italiano CGIL Giovani per immaginare una nuova visione ambiziosa e innovativa sul lavoro.

Con il progetto Giovani United, RENA vuole capire quale ecosistema sarà in grado di creare lavoro, mantenerlo, e renderlo più produttivo e di migliore qualità e quali strumenti innovativi di policy, inclusa la natura e il contributo delle forze di rappresentanza collettiva, possono rilanciare un virtuoso e durevole sviluppo occupazionale in Italia.

 

Confrontarsi

Facilitare il dialogo informale tra le organizzazioni datoriali e sindacali giovanili per trovare soluzioni e condividere esperienze

 

Progettare

Attivare progettualità locali replicando il partenariato nazionale, facilitando il dialogo tra questi soggetti

Valorizzare

Far emergere le migliori progettualità sui temi delle politiche attive del lavoro

 

 

.

 e

del 

L'INDAGINE (6)

 

Compila l’indagine! 

http://goo.gl/forms/dHln3aRWfr

 

 

Progetto

Perchè un progetto sul lavoro giovanile? 

Disoccupazione e inattività giovanile sono le principali emergenze sociali ed economiche del nostro Paese.
L’efficacia delle misure legislative adottate finora sembra inefficace ma questo non può essere un pretesto perché la società si chiuda a riccio nel dissenso, nella protesta, nell’attesa che qualcuno, prima o poi, faccia qualcosa.

Al contrario.

Per rispondere a questa sfida, RENA crede che la società tutta e i cosiddetti “corpi intermedi” – le organizzazioni datoriali e sindacali giovanili – debbano e possano farsi carico di un impegno comune e unire le forze per pensare e realizzare azioni concrete che interessano il loro stesso futuro e quello delle generazioni che verranno.

Che obiettivi ha Giovani United?

  • affrontare il problema della disoccupazione giovanile in modo nuovo, con nuovi strumenti e con nuovi attori
  • offrire alle parti sociali giovanili uno spazio informale per facilitare il dialogo informale, per trovare soluzioni e condividere esperienze e aumentare le possibilità di impatto delle azioni che possono portare all’attenzione del legislatore
  • mappare i progetti più innovativi che agisco sull’occupabilità dei giovani, realizzati da Pubbliche Amministrazioni, organizzazioni, scuole, terzo settore e privati,  per far emergere i prototipi innovativi che sono già in atto nel nostro Paese, costruire ed allargare partenariati, individuare buone prassi che possano essere replicate e scalate.

Chi sono i partner del progetto?

Sono partner del progetto le principali associazioni di categoria giovanili CNA, Coldiretti, Confindustria, Confcooperative e Generazioni Legacoop e il più grande sindacato italiano CGIL Giovani.

Ma non solo loro: la mobilitazione creativa e collettiva chiede la partecipazione di tutti.

Attiviamo partneriati diversi nelle varie iniziative che rientrano nel progetto.

Qual é il valore aggiunto di RENA

I giovani trovano occupazione prevalentemente attraverso reti informali; le esperienze e i luoghi di educazione, che ricuciono il dualismo scuola-lavoro e la distanza tra cultura umanistica e tecnica, si sono moltiplicati (pensiamo ad acceleratori, incubatori, Fablab e Makerspace); i metodi di apprendimento si sono evoluti, vedi l’enorme successo dei Mooc (Massive Open Online Courses); le modalità del lavoro hanno incontrato le logiche della condivisione nei coworking. In sostanza, l’innovazione sociale ha aperto il campo all’attivazione di nuove risorse: del privato sociale, dell’imprenditoria dal basso o delle comunità di cittadini. Ha pervaso la società di pratiche collaborative e favorito la moltiplicazione di relazioni orizzontali in grado di avvicinare le soluzioni ai bisogni delle persone, generando nuove opportunità e progettualità in tutti gli ambiti, anche in quello del mercato del lavoro.

RENA, il movimento che mobilita le comunità del cambiamento, ha gli strumenti e le reti di relazione per indagare nel mondo di chi questa innovazione la fa.

 

Eventi

2015

25 Marzo 2015 CLICK DAY pre|Occupiamoci: l’indagine 

28 Marzo 2015 Bologna: HACKATHON sui dati per il LAVORO  all’interno di #SOD15


2014

Giugno 2014 Bologna: gruppo di lavoro nell’ambito del Festival delle Comunità del cambiamento con Adapt, Junior Achievement, Key 2 People, JCube, Labsus, Fondazione Golinelli, Fondazione Nord Est, Anci Giovani, Vivaio Intraprendenza, Mentors4You e altri Comuni.

Aprile 2014 Trento: Workshop nell’ambito di Allora Crealo!, l’iniziativa di Euricse durante il Festival dell’Economia di Trento. Abbiamo tenuto un laboratorio tra i soggetti che si sono candidati alla Call di RENA, così abbiamo ingaggiato le reti di Impact Hub FirenzeAction AidItalia LavoroFare Lavoro,Greenjobs.it. 

Marzo 2014 Cesena: Workshop nell’ambito del Web Economy Forum con Annibale D’Elia dirigente politiche giovanili della Regione PugliaStefano Micelli professore Cà Foscari, Alessio Magnavacca di McKinsey, Matteo Lepore assessore Comune di Bologna, Stefania Milo di CNA Giovani e Francesco Ranghiasci di Confcooperative

Febbraio 2014 Firenze: Kick off meeting del progetto alla presenza di tutti i partner

 

Team

Mazzocchi

Francesca
Mazzocchi

Responsabile progetto "Giovani United"

pancaldi

Federico
Pancaldi

Responsabile Progetto
"Giovani United"

attilio

Attilio
Di Battista

Partner

Sono partner del progetto Giovani United le principali associazioni di categoria giovanili CNA, Coldiretti, Confindustria, Confcooperative e Generazioni Legacoop e il più grande sindacato italiano CGIL Giovani.