12 febbraio 2016

Orientamento al futuro

Francesca Mazzocchi

orientamento futuro

 

Condivisione, cura, apertura al cambiamento, contaminazione. I valori di RENA si traducono in azioni concrete quando riescono a generare cambiamento per un gruppo di persone, per una comunità, per una pubblica amministrazione, in una città di provincia. È quello che sta accadendo a Massa, una cittadina di quasi 70k abitanti al confine tra la Toscana e la Liguria, grazie al progetto Orientamento al Futuro (finanziato sul bando ANCI ComuneMenteGiovane) che RENA sta portando avanti in collaborazione con il Comune, Impact Hub Firenze e Action Aid. Qui abbiamo provato a mettere a terra tutti i concetti di cui parliamo e su cui lavoriamo da tempo, a partire dal progetto Giovani United: competenze del futuro, mentorship peer to peer, animazione di comunità, palestra, prototipi, sperimentazione.

Volevamo costruire una palestra di innovazione sociale in cui formare con metodi e strumenti nuovi un gruppo di giovani brillanti, allenarli al cambiamento, dare loro gli strumenti per fare della propria passione il proprio lavoro, sfidarli a progettare, creare ed animare uno spazio fisico e divenire a loro volta animatori della propria comunità, enzimi di innovazione per la città. Quindi, con una call pubblica abbiamo raccolto le candidature di 40 giovani massesi, li abbiamo affogati con una doccia di innovazione sociale, portando per 2 giorni alcune delle migliori teste ed esperienze italiane in città, per ispirarli. Li abbiamo conosciuti, ascoltati e messi alla prova. Poi li abbiamo valutati una seconda volta, in base a come erano e a cosa sapevano fare e gli abbiamo chiesto anche di autovalutarsi – hackerando in nome della trasparenza e dell’efficacia ogni processo di selezione pubblica tradizionale – e sono diventati un manipolo di 8 cavalieri dell’innovazione che creeranno il primo coworking della città.

Si chiamerà Coworkeria, avrà sede in un fondo messo a disposizione dal Comune di Massa in un ex Mercato, e non sarà solo uno spazio di lavoro condiviso, sarà la loro palestra, la loro misura, il loro successo e i loro errori, il primo banco di prova con la burocrazia, la pubblica amministrazione, il mercato, la sfiducia della gente. In questa eccitante avventura saranno sostenuti dai partner del progetto, formati specificatamente sulle proprie esigenze, affiancati da professionisti che potranno scegliere messi a disposizione dalle reti di relazione dei partner. Seguiti in ogni passo impareranno facendo e sbagliando. Per questi 6 mesi riceveranno una borsa di studio al termine della quale protranno costituire la loro associazione o impresa per gestire lo spazio, potendo pensare di farne il proprio lavoro.

Motivare 8 giovani in un territorio di provincia dove sembra che nulla possa mai accadere; dargli una prospettiva di riscatto, dove la maggior parte dei giovani sono costretti ad andarsene; costringerli a misurarsi con le proprie forze, laddove sembra vigano ancora logiche clientelari secondo le quali l’entusiasmo e le competenze non contano, è innescare il cambiamento in un territorio. È invertire la rotta. È piantare un primo seme. È aver iniettato un enzima indistruttibile nell’ecosistema locale. È non poter tornare più indietro. Comunque vada.

Il percorso adesso è in progress, stanno progettando lo spazio dopo aver trovato una partnership gratuita con i GAMS, i giovani architetti di Massa Carrara; hanno reperito mobilio nella ricicleria locale, trovato sponsor, stretto alleanze, inventato il nome, approntato gli strumenti di comunicazione ed individuato possibili futuri avventori!

Le prime attività saranno presentate al Meeting nazionale di Anci dei progetti MeetYoungCities e ComuneMenteGiovane che si terrà a Rosignano Marittimo i prossimi 11 e 12 marzo, poi organizzeranno le Invasioni Digitali, l’Internet Day il 29 e 30 Aprile e l’inaugurazione della Coworkeria a fine Maggio!

State sintonizzati sull’innovazione che succede davvero!

 

Francesca Mazzocchi

Resp. progetto Orientamento al Futuro e Giovani United

 

 

Blog, Sviluppo comunità locali


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *