Il caffè di RENA – Giornata 0: Benvenuti!

 

 
 
L’attacco terroristico a Barcellona, il terremoto ad Ischia ed il caos mediatico e politico sull’abusivismo, lo sgombero dei rifugiati dal palazzo di piazza Indipendenza a Roma: soltanto tre esempi di cronaca degli ultimi giorni che ci ricordano quanto la realtà sia complessa da decifrare, comprendere a fondo ed amministrare.
Come si può rispondere ad episodi del genere? Come se ne può anche soltanto parlare senza avere tutti gli elementi per poterli sviscerare ed analizzare?
Non c’è via d’uscita, in primo luogo, se non quella dell’informazione e della conoscenza. Soltanto da essa può derivare qualsiasi altra considerazione.
Ecco perché quest’anno il tema della RENA Summer School – giunta ormai alla settima edizione – è “Governare il Caos”, quanto mai calzante in questo particolare momento. Europa, migrazioni, città, territorio, mercato, lavoro ed economia sono i macro argomenti a cui sono state dedicate le cinque giornate di lezione, per cercare di costruire una bussola per il futuro ed una cassetta degli attrezzi per la comprensione dei cambiamenti del presente.
Oggi, venerdì 25 agosto, ha preso il via la scuola qui a Matera: a dare il benvenuto è stato il Sindaco Raffaello De Ruggieri, che ha definito Matera la città dell’abitare perenne ed uno spazio geografico costruito dalla comunità, che si è fatto storia.
Gregorio De Felice, in rappresentanza di Intesa Sanpaolo, uno degli sponsor dell’intera iniziativa, ha ricordato come l’Italia abbia potenzialità enormi e come la nostra sfida sia quella di valorizzare il nostro patrimonio per crescere e competere.
Ariane Bieou, cultural manager di Matera 2019 – realtà che ha contribuito a realizzare la Rena Summer School – nei saluti di benvenuto ha posto l’attenzione su come sia fondamentale connettere Matera all’Europa e l’Europa a Matera, e come debbano essere gli uomini e le donne, abitanti culturali del mondo, a trasmettersi da un luogo all’altro.
Infine, il benvenuto della Presidente di RENA, Linda Di Pietro, che ha raccontato agli studenti il fil rouge che lega l’intero programma della scuola: imparare a governare il caos, passando dalla complessità dei luoghi e delle diversità culturali a quella del mondo economico ed amministrativo. Il futuro, infatti, risiederà nella possibilità di scegliere autonomamente i nostri confini geografici, dove vivere, quando viaggiare e dove fermarci, così da costruire la nostra identità di cittadini del mondo. E tutto ciò potrà concretizzarsi soltanto attraverso la comprensione ed il governo della complessità che ci circonda.
Intanto, da domani comincerà il nostro tortuoso percorso di costruzione della nostra bussola, con un’intensa settimana di lezioni e workshop, grazie ad un eccezionale gruppo di docenti e studenti.
Abbiamo deciso di raccontare la School giorno per giorno, per offrire anche a chi non è qui con noi spunti di riflessione fuori dai normali circuiti del dibattito pubblico.
Nel frattempo, speriamo, grazie a questa esperienza, di riuscire a vincere, almeno in parte, l’ambiziosa sfida che ci siamo posti: quella di imparare a governare il caos.
Per oggi qui da Matera è tutto.
@ProgettoRENA
 
Da un articolo di Federica Bandera su ”Gli Stati Generali” : http://bit.ly/2xluTF2