Abbiamo inviato a tutti gli arenauti nei giorni scorsi il verbale (RENA_Assemblea_generale_dei_soci_verbale) e una sintesi del feedback dell’AG4 (Sintesi Feedback – finale).
Al “Come mi sentivo prima di Torino?” la maggior parte dei partecipanti ha risposto: curioso, entusiasta o emozionato. Sulle emozioni dopo l’evento si ripetono spesso “motivato”, “galvanizzato”, “soddisfatto” e “con tanta voglia di essere protagonista”.
Questa assemblea è stata certamente un grande successo! Siamo cresciuti in visibilità con l’evento pubblico del venerdì sera; abbiamo preso contatto con i più giovani attraverso un progetto di mentoring, (In)formiamoci (di cui potete trovare un resoconto più dettagliato in questa stessa newsletter) che da tempo si voleva lanciare; ci siamo confrontati e divertiti. E alla fine eravamo esausti!  
Eravamo circa 120 tra arenauti, futurarenauti e osservatori. L’atmosfera generale è stata molto buona, è mancato forse un po’ di tempo libero e la possibilità di confrontarsi sui progetti.
La discussione sul dibattito pubblico “Un nuovo risorgimento?” ha evidenziato l’importanza di mettere RENA e i suoi contenuti sempre di più al centro degli eventi.
La presentazione della nuova strategia RENA per il periodo 2011-2013, ha tracciato il percorso da compiere per fare di RENA “un attore rilevante e influente del dibattito pubblico italiano” attraverso il perseguimento di cinque obiettivi complementari:

  1. un più profondo senso di appartenenza e una maggiore coesione interna;
  2. una partecipazione più costante e bilanciata di tutti gli arenauti;
  3. una migliore capacità di concepire, sviluppare e realizzare progetti;
  4. una rete di collaborazioni più estesa e solida;
  5. una maggiore riconoscibilità e visibilità esterna.

La presentazione dei progetti principali (“il Dato è tratto“, la “Summer school del Buongoverno“, “Pari o Dispare?”, “Free as the Web“, “Italia camp a Bruxelles” e “A-RENA“) ha dato modo ai capofila di raccontarne obiettivi e criticità, funzionando anche come chiamata alle armi tra i presenti.
Il momento di coaching “arenauti o arenati?” ha coinvolto tutti in un’esplorazione delle motivazioni più profonde che legano ognuno di noi a RENA (coaching al buio) e ha poi visto i partecipanti dare vita a delle “opere d’arte” che rappresentassero l’associazione (“Cre-Azione”).
Cena e danze hanno animato le due serate e reso particolarmente critico il risveglio al mattino presto per le sessioni di lavoro che si sono concluse con un ricco dibattito sulla vita associativa, le questioni statutarie e il rinnovo del consiglio direttivo.
Davide Rubini ha egualmente avuto modo di spiegare brevemente quali sono le molte potenzialità del nuovo sito, www.progetto-rena.it, strumento a disposizione di ogni arenauta per contribuire al dibattito inter-associativo ma soprattutto per sviluppare i contenuti del blog in maniera dinamica e semplicissima!
La sfida è ora per chi si prenderà l’onere e l’onore di organizzare un Evento Tematico in primavera e la prossima Assemblea Generale in autunno. Abbiamo puntato in alto… ed ora possiamo raggiungere le stelle!