All’inizio di aprile vi abbiamo presentato la nuova edizione del Festival delle Comunità del Cambiamento all’insegna di una sfida.

Una sfida per tutti voi, a cui abbiamo chiesto di contribuire attivamente per realizzare un Festival aperto e partecipato, dandoci spunti e suggerimenti tramite le due call online.

Una sfida per noi che, dopo il successo della scorsa edizione, abbiamo deciso di rilanciare (e raddoppiare), organizzando un evento di due giorni con sessioni parallele e degli obiettivi ambizioni: creare ponti tra le comunità del cambiamento e le istituzioni, identificare spazi di confronto e co-progettazione, lavorare sulla costruzione di “coalizioni di attori” tematiche e sul loro rafforzamento.

E ora eccoci qui a raccontarvi 2 giorni di eventi in 6 sale con 15 panel, 9 pitch, 8 workshop, 5 sessioni formative, 2 laboratori di accelerazione, 1 dj set, attività per bambini e ragazzi con 1 coderdojo, 1 design jam for children, 1 laboratorio di robotica e 1 servizio di babysitting per tutta la durata del Festival.

A questo link il PROGRAMMA che aggiorneremo in progress

A questo link potete prenotare il vostro biglietto

 
COSA CI ASPETTA
Ispirare, connettere, formare è la formula che sintetizza questa visione, racconta anche il lavoro di tessitura che abbiamo fatto in queste settimane di redazione del programma, descrive la metodologia e i vari format degli incontri. Abbiamo deciso di aggiungere un quarto punto, dedicato al prendersi cura.
>>  Ispirare: pitch e panel
>>  Connettere: workshop
>>  Formare: sessioni di formazione e laboratori di accelerazione
>>  Prendersi cura: djset, pranzi e cene, attività per bambini e ragazzi
Nel corso dei due giorni, con pensatori, progettisti, ricercatori e practitioners, ci occuperemo di:
>>  Modelli innovativi di collaborazione, comunicazione e organizzazione
>>  Sviluppo e integrazione delle comunità, rigenerazione di spazi e territori
>> Nuove pratiche per l’occupabilità, educazione del futuro, la sostenibilità economica e lo sviluppo.
 
COME
RENA è un’associazione di natura no profit che vive dell’impegno e della passione dei suoi soci. Allo stesso modo, anche il Festival delle Comunità del Cambiamento è un evento senza scopo di lucro. Il team che lavora al progetto lo fa gratuitamente, così come i relatori parteciperanno senza prendere un gettone.
Per accedere al Festival, vi chiediamo di iscrivervi e acquistare un biglietto di ingresso per sabato di 25 euro e per domenica di 15 euro. Le entrate servono a coprire le spese di organizzazione e il costo dei pasti che sono inclusi nel prezzo con pranzo, dj set e cena il sabato e la domenica pranzo.
Allo stesso modo, anche il sostegno degli sponsor è finalizzato a coprire i costi dell’evento. Quindi, grazie a chi ha creduto in noi sostenendoci: Gruppo Unipol, Fondazione Golinelli, Gruppo Industriale Maccaferri, Confcooperative Emilia-Romagna, Legacoop Bologna.
 
DOVE E QUANDO
Che ci saremmo visti il 13 e il 14 giugno nel centro di Bologna ve lo avevamo già detto. Aggiungiamo che tutti gli appuntamenti si svolgeranno in Piazza del Nettuno, fra l’head quarter a Palazzo Re Enzo, gli spazi della Scuola della Idee della Fondazione Golinelli (ingresso dal Palazzo) e la sede dello Urban Center in sala Borsa (di fronte al Palazzo).
 
CI PRENDIAMO CURA DI VOI
Durante i due giorni del Festival sarà attivo un servizio di babysitting, assieme ad attività per bambini e ragazzi (coderdojo, design jam for children, laboratorio di robotica).
Grazie a una partnership con Airbnb, chi partecipa al Festival potrà usufruire di uno sconto del 15%. Trovate qui tutte le info