Continuano a Roma gli appuntamenti del progetto A-RENA. Martedì 23 novembre alla libreria Gocce d’Inchiostro di Trastevere si è parlato di città sostenibili e qualità della vita con Carlo Pasinetti, architetto bergamasco ed i due Arenauti Christian Iaione e Riccardo Hopps.
Il titolo della serata, eUtopia, deriva dall’unione delle parole greche eu che sta ad indicare tutto ciò che è “buono” e topos, luogo. Insomma non il luogo ideale, ma il luogo “buono”, a misura d’uomo, dove la società umana e le condizioni naturali raggiungo un equilibrio tale da innalzare notevolmente la qualità della vita dei cittadini. Ed è proprio quest’ultimo punto che è stato declinato durante la serata: cosa migliora la qualità della vita in una città? In quale modo la città è funzionale alla vita dei suoi cittadini? Ma ancora di più, cosa fanno (o non fanno) i cittadini stessi, qual è attualmente il loro coinvolgimento attivo?
Per rispondere a queste domande, sono emersi diversi spunti di discussione: il traffico e l’uso di mezzi di trasporto alternativi, le costruzioni sostenibili, le scelte individuali su come trascorrere il tempo libero (centro culturale o centro commerciale?) ma anche la cittadinanza attiva (dall’iniziativa romana “Retake Rome” alla raccolta differenziata), l’importanza della pianificazione urbanistica e l’agricoltura urbana.
Nel corso della serata, sono state esposte le opere dell’artista Leonardo Tizi, attualmente impegnato nella realizzazione di una serie di tele raffiguranti città futuriste denominata “Next Stop Nowhere”.
Per visualizzare qualche foto dell’evento, clicca qui.