Home

 

Governare il Caos

 

 

Nata come un momento di formazione su cittadinanza responsabile e buon governo, la scuola estiva targata RENA è alla sua settima edizione. Costruendo sulla sua ricca eredità e, in particolare sulle innovazioni delle ultime due edizioni, con l’appuntamento del 2017 l’associazione intende segnare un ulteriore passo in avanti con un’offerta formativa di alto livello, contenuti interdisciplinari e fuori dal coro, oltre a laboratori “immersivi” di pratiche concrete.

La scuola offre un vero e proprio boot camp per amministratori locali, innovatori e professionisti che si chiedono come disegnare ed attuare politiche e pratiche in grado di offrire risposte non contingenti alle trasformazioni che attraversano il tessuto socio-economico del Paese.

Obiettivi

1. Affrontare in modo trasversale i temi che investono gli attori del cambiamento, sul presupposto del cambio di paradigma rispetto alla tradizionale suddivisione tra soggetti attivi e passivi di politiche pubbliche e dinamiche sociali;

2. favorire la contestualizzazione e la comprensione del cambiamento, in modo da costruire una cassetta degli attrezzi affinché l’innovazione episodica si possa innestare in modo sistemico;

3. intercettare e aggregare intorno a RENA esperienze e temi che si collochino nella curva ascendente dell’innovazione, raccontando le più importanti e utili esperienze consolidate, ma cimentandosi anche nel giusto sforzo di scouting di nuovi temi e soluzioni da sperimentare.

Temi

La scuola affronterà il tema delle trasformazioni “caotiche” lungo cinque assi diversi, in linea con i Cantieri progettuali attivati da RENA. Anche quest’anno, le lezioni si svilupperanno in forma “modulare”, ogni giornata sarà focalizzata su un approfondimento tematico in linea con il tema generale.
Il pomeriggio sarà impegnato in sperimentazioni e lavori di gruppo che permetteranno la contaminazione tra le esperienza degli studenti.

Giorno 1 – Società Aperta – Europa, migrazioni, nuova cittadinanza

Giorno 2 – Da spazi a luoghi – Città e provincia, organizzare la territorialità

Giorno 3 – Amministrare la complessità – Politica, burocrazia, mercato e reti

Giorno 4 – Futuro del lavoro e dell’economia – Reagire allo spiazzamento

Giorno 5 – Infosfera – Giornalismo, social media e fiducia

Il programma

Le lezioni e gli aperitivi si terranno presso“le Monacelle”  via Riscatto, 9, Matera

 

25_08 | Benvenuto

 

Presentazione degli studenti e aperitivo di networking

 

18.00 | Matera, i partner, RENA e noi: “benvenuti!”

 

Raffaello DE RUGGIERI sindaco Comune Matera (tbc)

Gregorio DE FELICE
, Chief Economist Intesa Sanpaolo

Mario CUCINELLA, Architetto (tbc)

Paolo VERRI
, Matera 2019

Linda DI PIETRO
, Presidente RENA

26_08 | Società aperta

 

 

Prima Parte | Migrazioni

9.30 | Comprendere le dinamiche globali
Francesco
AURELI, Osservatorio Internaz. per la Salute

11.00 | L’Europa: policy, polemiche, sviluppo
Giulio
DI BLASI, Commissione europea (tbc.)

12.30 | Advocacy e cambiamenti legislativi
Fosca
NOMIS, Save the Children

 

Seconda Parte | Inclusione sociale

 

14.00 | Laboratorio e fact checking
a cura di
RENA (con Angelo MARTELLI, LSE)

16.30 | La sfida dell’accoglienza, operatori a confronto

Marcello PITTELLA, Presidente Regione Basilicata (tbc)

Dina CUCCARESE, operatore

Coop. AUXILIUM (tbc)

 

Aperitivo | Cosimo PACCIANI, ESM

 

27_08 | Amministrare la complessità

 

 

Prima Parte | Definizione delle priorità e partecipazione

 

9.30 |  Emersione delle istanze

Alessandro DELLI NOCI, vice sindaco città di Lecce
Daniele  MANCA, sindaco città di Imola

 

Seconda Parte | Amministrare le decisioni ed attuarle

 

11.00 | Politiche e Innovazione
Vasant
CHARI, Policy Lab, Cabinet Office UK

 

12.30 | Implementation: dal disegno della policy alla sua attuazione


14.30
 |
Skills: quale nuovo kit di competenze per i dirigenti pubblici?
Françoise WAINTROP, ENA


16:00
| La frontiera digitale
Massimo VENTIMIGLIA, H-FARM


17:00
| Costruire una
policy
Christian IAIONE, LabGov

 

 

28_08 | I futuri del lavoro e dell’economia

 

 

Prima Parte |  Le grandi trasformazioni (e noi)

 

9.30 | Valore del lavoro nella grande transizione
Andrea
GARNERO, OCSE

 

11.30 | Introduzione all’intelligenza artificiale e al machine learning
Raffaele
MAURO, Endeavor

 

Seconda Parte | Il lavoro cambia forma ma non identità

 

14.00 | Lavoro, tecnologia e trasformazione digitale
Intro a cura di A.
ALOISI e F. LUCCISANO, RENA

 

15.30 | Il lavoro e i nuovi modelli organizzativi per l’impresa
Francesco
SEGHEZZI, Adapt (tbc)

 

17.00 | Jobs Act, lavoro subordinato e autonomo
Marco
LEONARDI, Presidenza del Consiglio

 

Aperitivo | “Piattaforme”

COLDIRETTI

Marco BENTIVOGLI, FIM CISL

Marco GAY, Digital Magics

 

29_08 | Organizzare la territorialità e riorganizzarsi

 

 

Prima Parte | Scenario

 

9.30 | Civic engagement e governance delle Città

10.30 | La città aumentata, un nuovo paradigma
Maurizio
CARTA, UNIPA

 

Seconda Parte | Arcipelaghi

 

14.00 | Le montagne e i confini

Anna GIORGI, Università della Montagna
Enrico
BORGHI, Strategia nazionale Aree Interne  (tbc)
Alexander
AGETLE, Englhorn

15.30 | Le città e oltre

Luca GARIBALDO, Dynamoscopio
Elena OSTANEL, IUAV
Ilda CURTI

17.00 | Il Mediterraneo

Cristina ALGA, CLAC
Annibale D’ELIA (tbc)
Alessia ZABATINO, Action Aid

 

Aperitivo | Comunità Provvisorie
Franco ARMINIO, Paesologo

 

 

30_08 | Infosfera e fiducia

 

 

Prima Parte | Etica ed estetica dell’algoritmo

 

9.30 | Mario RASETTI, Presidente ISI Foundation

 

Seconda Parte | Libertà di informazione

 

11.00 | Piattaforme online e libertà di informazione
Antonio
NICITA, Commissario AGCOM

 

12.30 | Qualità dell’informazione e qualità della democrazia
Antonio SGOBBA, Giornalista RAI

 

14.30 | Tavola rotonda:

Alex GIORDANO
Adam
ARVIDSSON
Gabriele GIACOMINI

 

Terza Parte | Passato e futuro dei media

 

16.30 | Comunicare fiducia, il cantiere RENA  si racconta

 

Saluti finali | consegna degli attestati e appuntamento al 2018

Il luogo

Per spostare il centro delle attività di RENA a Sud, riscoprendo spazi fuori dai “luoghi comuni”.

Siamo alla ricerca di contesti territoriale dove storia e tradizioni convivono insieme alla ricerca di investimenti capaci di coniugare crescita economica e sostenibilità ambientale.

La strategia dell’associazione punta così ad avviare processi virtuosi di confronto e collaborazione che partono dalle realtà locali al fine di superare le disparità regionali e tenere unito il Paese.

Tutte le edizioni delle RENA Summer School, infatti, costruiscono e nascono da un rapporto quanto più diretto possibile con il contesto locale.

Requisiti di accesso

Aspiriamo a far incontrare persone con profili disciplinari diversi, motivate a mettere a sistema competenze ed abilità complementari.

La partecipazione alla scuola presuppone anche la disponibilità dei partecipanti a mettere in pratica gli insegnamenti acquisiti continuando a portare avanti i progetti che ne scaturiscono.

Non vi sono limiti d’età né requisiti minimi in termini di titoli di studio.

È preferita la conoscenza della lingua inglese.

Curatori


 

Damien Lanfrey

Chief Innovation Officer del Ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca (MIUR) dal 2016, coordinando in particolare le politiche per l’innovazione digitale del sistema educativo, la costruzione di un sistema di crescita professionale e l’innovazione delle competenze degli studenti. Ha lavorato per quattro governi e sviluppato iniziative di open government per il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, il Dipartimento Riforme Istituzionali e il Ministero degli Esteri, ed è stato membro del primo think tank per l’innovazione al MIUR voluto dal Ministro Profumo tra il 2012 e 2013. Membro del Comitato Scientifico per l’Agenda Digitale dell’Emilia Romagna e co-fondatore di “A Scuola di OpenCoesione”, prima data schoolsul monitoraggio dei fondi pubblici. Scrive e fa ricerca sul rapporto tra ICTs, public engagement e cambiamento organizzativo. È stato Research Fellow all’Oxford Internet Institute, Lecturer alla City University di Londra dal 2007 al 2011 e PostDoc alla Hong Kong Polytechnic University.

Twitter: @damienlanfrey


 

Fabio Malagnino

Giornalista professionista, è Digital Officer e direttore della testata giornalistica del Consiglio regionale del Piemonte.
Si occupa di Open Government, comunicazione istituzionale e comunicazione politica, ed è tra gli estensori delle prime leggi italiane su wifi libero e open data approvate in Regione Piemonte.
Appassionato di enogastronomia, segue la comunicazione di SlowFood Torino.

Twitter: @invisigot


 

Costanza Hermanin

Firenze, 1981. È appassionata di diritti, Unione europea e insegnamento. Temporaneamente prestata al Governo italiano come capo della segreteria personale di uno dei Sottosegretari alla Giustizia, si occupa da anni di carcere, radicalismo, immigrazione e minoranze etniche. Insegna istituzioni e politiche europee a Parigi, Bruges e Roma.

Twitter: @CostHermanin


 

Angelo Martelli

Postdoctoral Fellow presso la London School of Economics and Political Science. Attualmente è in visiting alla World Bank nell’Office of the Executive Director EDS21 e consulente esterno per UK Cabinet Office ed HM Treasury. I suoi interessi di ricerca vertono su tematiche a cavallo tra economia del lavoro ed economia politica europea. Prima di approdare alla LSE per il PhD ha conseguito un MSc e un Master of Advanced Studies in Economics alla Pompeu Fabra e una laurea in International Economics and Management alla Bocconi. Alla LSE è stato presidente della LSE Italian Society. Ha pubblicato editoriali per diverse testate internazionali tra cui WSJ ed El Pais.

Twitter: @angelo_martelli


 

Michele Pianetta

Michele Pianetta, 30 anni, si è laureato in Giurisprudenza a Torino con una tesi sulle società pubbliche e gli affidamenti “in house providing”. Imprenditore nei settori del turismo e dei servizi, dal 2013 è assessore del Comune di Villanova Mondovì (Cuneo) con deleghe ad attività economiche, manifestazioni, turismo e sport, mentre dal 2014 è consigliere di indirizzo dell’Atl del Cuneese, società mista pubblico-privata che coordina le politiche turistiche di 180 Comuni della provincia di Cuneo. A 27 anni, nell’ottobre 2014, diventa vicepresidente di ANCI Piemonte, il più giovane nella storia dell’associazione regionale, dove ha la delega all’Innovazione. Giornalista pubblicista, già capo ufficio stampa del Comune di Mondovì e del Consorzio per l’Area Industriale del Monregalese, nel 2004 ha ideato il premio giornalistico in memoria dell’ex direttore di Tuttosport, Piero Dardanello, oggi uno dei riconoscimenti più importanti a livello nazionale, di cui coordina tuttora la giuria.

Twitter: @michelepianetta


 

Elisabetta Nava

Ha 28 anni, architetto con Master in Rigenerazione Urbana e Innovazione Sociale, amministra il suo comune da 6 anni lavorando su cultura, innovazione e valorizzazione.
Nell’ultimo anno ha contribuito alla progettazione e all’avvio di Ortofficine Creative – progetto opensource di sviluppo territoriale che propone una “Rivolta AgriCulturale” – con cui ora collabora come assessore.
Presidente della Rete Bibliotecaria Cremonese, lavora su progetti di rete che sempre più garantiscano l’accesso alla cultura e propongano occasioni di welfare culturale.

Twitter: @elisabetta_nava


 

Silvia Profeti

Silvia Profeti, classe 1991. Instancabile entusiasta, si è laureata presso l’Università Bocconi in Economia e Management delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali, con l’obiettivo di lavorare nel, con o per il settore pubblico. Da due anni lavora presso una società di consulenza multinazionale in ambito eGovernment, interagendo con Amministrazioni Centrali ed Europee. È sempre stata impegnata da un punto di vista associazionistico, fondando prima NextPA ed entrando poi in RENA nel 2015, di cui oggi è socio attivo.

Twitter: @_Profeti


 

Federica Bandera

Milanese a Roma, classe 1992, appena laureata in Economia delle Amministrazioni Pubbliche in Bocconi, si occupa per professione di public affairs per Community e, per passione, di innovazione della pubblica amministrazione.
L’associazionismo è il suo pane quotidiano: fa parte da giugno del Consiglio Direttivo di RENA, per cui si occupa della rete associativa e della comunicazione, e nel 2014 ha fondato NextPA, associazione studentesca con un focus sulle politiche pubbliche.

Twitter: @ffedericabander


 

Roberta Franceschinelli

Sono pugliese d’origine (e nei modi), ma vivo a Bologna da molti anni e, nonostante vari tentativi di fuga verso sud, mi ritrovo ancora qui. Sono responsabile dell’area cultura e della comunicazione web di Unipolis, la fondazione d’impresa del Gruppo Unipol. Ideatrice e project manager di tutte le attività legate al programma culturability, inclusi i rispettivi bandi, mi sono occupata di progetti e imprese di innovazione culturale e sociale. In particolar modo, nel corso degli ultimi anni ho lavorato sul tema della rigenerazione e riattivazione di spazi a base culturale.
Sono laureata in Comunicazione Pubblica Sociale Politica ed ho un Master in Relazioni Internazionali all’Università di Bologna. Dopo gli studi e un periodo di stage a Bruxelles, al mio rientro a Bologna, ho iniziato a collaborare come freelance con alcune istituzioni culturali cittadine prima di entrare in Unipolis nel 2009. Ho collaborato con LabGov, il Laboratorio per la governance dei beni comuni dell’Università LUISS di Roma. Sono membro attivo dell’associazione RENA e componente del comitato scientifico dell’Agenzia locale di Sviluppo Pilastro della città di Bologna.
In generale, se dovessi raccontare in una frase cosa faccio, direi che mi occupo di progetti culturali legati all’innovazione sociale e al benessere delle comunità: lo faccio ideando iniziative e programmi di intervento su questi temi, ma anche sostenendo progettualità nelle quali mi capita di incappare grazie al mio lavoro.

Twitter: @larobbi


 

Cecilia Frajoli Gualdi

Avvocato, si occupa di diritto dei media. Dottoranda di ricerca in diritto pubblico cerca di studiare l’impatto delle ICT sugli istituti di democrazia diretta.
Appassionata di moda etica e di consumo consapevole, fondatrice di dressthechange.

Twitter: @CeciliaFrajoli


 

Francesco Galtieri

Francesco Galtieri (1977) é un esperto in relazioni internazionali. Ha lavorato per 16 anni per le Nazioni Unite nel consolidamento della pace, le emergenze umanitarie e la partecipazione civica. Insegna Negoziato Multilaterale alla LUISS ed é appena rientrato da un anno sabbatico alla Harvard J.F. Kennedy School dove si é occupato delle dinamiche democratiche in occidente ed il futuro dell’integrazione europea. Socio fondatore di RENA ed ex Segretario-Generale, ha coordinato alcune passate edizioni della Summer School.

Twitter: @f_galtieri


 

Francesco Luccisano

Classe 1982. Gli ultimi dieci anni li ha passati tra il mondo dell’energia – Enel e ora api – e il Governo – è stato membro dell’Ufficio Sherpa G8 a Palazzo Chigi e Capo della Segreteria Tecnica al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, dove si è occupato della riforma della scuola. È fiero di aver reso obbligatoria in Italia l’alternanza scuola lavoro. È stato presidente di Rena. Si occupa di policy making con un occhio particolare sui temi dell’istruzione e del lavoro.

Twitter:@FLuccisano


 

Antonio Aloisi

Antonio Aloisi è Ph.D. candidate in diritto del lavoro all’università Bocconi di Milano. Studia le formule contrattuali atipiche, specie quelle della gig-economy, e la trasformazione digitale del lavoro.
È stato visiting researcher alla Saint Louis University.

Twitter:@_Aloisi


 

Michele D’Alena

Ex rugbista, veneto di nascita e padre di Tommaso, vivo a Bologna. Dopo esperienze nel sociale, nel privato e nella Pubblica Amministrazione sempre con progetti ad impatto civico, per l’Urban Center di Bologna coordino i progetti dell’Ufficio per l’Immaginazione Civica, laboratorio permanente che sperimenta e sostiene le pratiche collaborative, la promozione, lo sviluppo e la ricerca e il confronto sui progetti di innovazione urbana, con il compito di promuovere e gestire coinvolgimento e rendicontazione verso tutti i cittadini, con particolare attenzione a chi è solitamente escluso dai processi di partecipazione. Mi piace definirmi community organizer perché organizzazione e comunità sono per me due parole chiave: l’innovazione non si fa da soli, la comunità è il messaggio.

Twitter: @MicheledAlena


 

Alex Giordano

Pioniere della cultura digitale e antropologo dell’innovazione è considerato tra i principali esperti di social innovation, sharing economy e di innovazione sociale e tecnologica applicata a food e agricoltura. È stato il fondatore di Ninjamarketing.it e digital strategist consultant per diverse aziende italiane. Membro dello IADAS (Accademia Internazionale di Arti e Scienze Digitali) di New York. Docente di Social Innovation e Società delle Reti presso lo IULM di Milano e presso il dipartimento di Scienze Sociali l’Università Federico 2° di Napoli si occupa dei temi della complessità applicati al rapporto tra infosfera e comunità locali trattando i temi dell’interazione culturale (piccole comunità/migranti), delle relazioni intergenerazionali (giovani/anziani) e dei rapporti tra centri e periferie. È il fondatore e co-direttore del Centro Studi Etnografia Digitale dove da sempre si occupa di Netnografia importando metodologie di estrazione antropologiche nello studio dei social e dei big data. È animatore del gruppo di ricerca sul Societing con Adam Ardvisson con il quale organizza da diversi anni una summer school sui temi del cambiamento sociale, della social innovation, del paltform cooperativism e della sharing economy.
Attualmente conduce il programma di ricerca Rural Hack che lavora sull’open hardware ed approcci DIY per l’agricoltura di precisione e su approcci innovativi alle strategie di sviluppo locale territoriali destinate ai territori rurali, alle aree interne ed alle comunità locali.

Twitter: @mantralex


 

Lorenzo Micheli

(Rieti, 1990)
Fino al Dicembre 2016 ha lavorato a Roma presso l’Ufficio di Gabinetto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR). Sempre per il MIUR e nell’ambito delle attività che ricadono sotto la Presidenza Italiana del G7, coordina oggi vari progetti che riguardano il mondo della Scuola e quello dell’Università. Spinto da una forte vocazione per gli studi europei e internazionali, ha studiato a Forlì presso la Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Bologna; in Olanda (Faculty of Arts and Social Sciences – Maastricht University); negli Stati Uniti, prima a Portland (College of Urban and Public Affairs – Portland State University) poi a Madison (La Follette School of Public Affairs – University of Wisconsin). Dal 2013 è coordinatore di “Next Rieti”, progetto di rigenerazione urbana che a partire dal recupero di un’ex area industriale nel centro della città mira ad implementare una strategia più ampia di sviluppo territoriale. Questo impegno per Rieti ha portato nel gennaio 2017 alla nascita di un associazione civica e indipendente, “Next Rieti”, di cui è il Presidente. Unisce da tempo l’impegno a livello nazionale con quello a livello locale, l’interesse per il tema traversale delle politiche per la formazione del capitale umano con quello per lo sviluppo dei territori. Ha avuto in passato varie esperienze come conduttore radiofonico. Sportivo, grande appassionato di viaggi e montagna (membro del Club Alpino Italiano).

Twitter: @lorenzo_Micheli

News

Le candidature alla settima edizione della RENA Summer School sono aperte fino al 23 luglio.

25 | 30 agosto 2017 – Matera

Candidati

La scuola è aperta a 35 partecipanti che saranno selezionati nelle prossime settimane a cura di un panel di arenauti e curatori esterni. Il costo della scuola (350 euro) copre i costi vivi organizzativi e include pasti, aperitivi, cene e visite guidate (sulla base del calendario che sarà diffuso a breve).

Presto sarà resa disponibile una convenzione con una struttura alberghiera materana per il pernottamento.

Maggiori dettagli nelle prossime ore.